Social

iten
  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg

Rete RE.A.DY- Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere

La Provincia di Siena e i comuni della provincia che fanno parte della rete lanciano una campagna per promuovere l'adesione alla Rete RE.A.DY da parte di altri Enti del territorio.

Al momento i Comuni della provincia che fanno parte della Rete sono: 
Comune di Abbadia San Salvatore 
Comune di Castelnuovo Berardenga 
Comune di Castiglion d'Orcia 
Comune di Murlo 
Comune di Pienza

Come aderire alla Rete RE.A.DY

 

Cosa è la Rete RE.A.DY- Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere

In questi ultimi anni numerose Pubbliche Amministrazioni Locali e Regionali hanno promosso politiche per favorire l’inclusione sociale delle cittadine e dei cittadini LGBTI (persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali/transgender, intersexual) e contrastare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.
Nell’unica indagine statistica nazionale pubblica sino ad oggi condotta sul tema (La popolazione omosessuale nella società italiana, 2010), i dati dell’ISTAT evidenziano che le persone LGBT vivono ancora situazioni di discriminazione nei diversi àmbiti della vita familiare, sociale e lavorativa a causa del perdurare di una cultura condizionata dai pregiudizi.
L’azione delle Istituzioni Pubbliche rimane, pertanto, essenziale per adottare, a partire dal piano locale, provvedimenti che sappiano rispondere ai bisogni delle persone LGBT, contribuendo a migliorare la qualità delle loro vite ed a creare un clima sociale di rispetto e di confronto libero da pregiudizi.

Partendo da questi presupposti, su iniziativa dei Comuni di Torino e Roma è stata fondata a Torino, il 15 giugno 2006, RE.A.DY, la Rete nazionale delle Pubbliche Amministrazioni antidiscriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere. Le/i rappresentanti di Regioni ed Enti Locali presenti a Torino sottoscrissero una Carta di Intenti, il documento costitutivo della rete, contenente le sue finalità, i suoi obiettivi e le azioni da implementare.

RE.A.DY è una rete a governance multilivello, nata per coordinare sinergicamente, a differenti livelli di governo, le azioni degli Enti Locali e delle Regioni finalizzate a contrastare e superare le discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere.

Per la prima volta, in Italia, rappresentanti politiche/politici e amministrative/amministrativi di Enti Locali e Regioni partner di RE.A.DY si uniscono per individuare e valorizzare le esperienze già attuate, agevolando la diffusione delle buone prassi LGBT sul territorio nazionale affinché diventino patrimonio comune delle Amministrazioni Pubbliche Locali e Regionali.
Pur essendo nata come rete focalizzata sulle discriminazioni nei confronti delle persone LGBT, la RE.A.DY interseca, nelle azioni realizzate dai suoi partner, anche altre forme di discriminazione, sia per effetto delle discriminazioni multiple di cui una medesima persona può essere bersaglio (ad esempio LGBT ed età per le persone anziane LGBT, LGBT ed origine etnica per le persone LGBT migranti, LGBT e genere per le donne lesbiche e per le donne transessuali, ecc.) sia per l’intersezionalità delle politiche finalizzate a ricercare le radici comuni delle discriminazioni e delle violenze per riconoscerle e contrastarle attraverso il coinvolgimento di spazi sempre più ampi della cittadinanza.

Alla RE.A.DY guardano con attenzione la FRA (l’Agenzia dell’Unione Europea per i Diritti Fondamentali), il Dipartimento Pari Opportunità (DPO) della Presidenza del Consiglio attraverso l’Ufficio Nazionale Anti Discriminazioni Razziali (Unar), l’OSCAD (l’Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori, interforze Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri). Con questi Enti, RE.A.DY ha avviato, negli anni, un percorso di collaborazione in progetti a respiro nazionale ed internazionale.

Negli anni 2013-2015, in conseguenza dell’adesione del Governo Italiano al Programma LGBT del Consiglio d’Europa (Raccomandazione Comitato dei Ministri CM/REC (2010)5 ), il DPO-Unar ha affidato alla RE.A.DY la realizzazione di azioni formative e di comunicazione per implementare la Strategia nazionale LGBT, documento elaborato dal DPO-Unar con le Associazioni LGBT (Gruppo Nazionale di Lavoro Unar), la RE.A.DY e stakeholder pubblici e privati.

La Rete cerca di operare con una struttura leggera, orizzontale e partecipata e invita tutti i partner a contribuire in modo attivo alla sua gestione e al suo sviluppo. Alla RE.A.DY possono aderire le Regioni, le Province Autonome, le Città Metropolitane, le Province, i Comuni, le Associazioni di Enti Locali, le Istituzioni e gli Organismi di Parità. I documenti vincolanti per i partner sono la Carta di Intentie gli Strumenti Operativi di lavoro, approvati nell’Incontro Annuale 2017 di Torino.

www.comune.torino.it/politichedigenere/lgbt/lgbt_reti/lgbt_ready

La Provincia di Siena con Decreto del Presidente del settembre 2019 ha aderito alla Rete RE.A.DY, condividendone obiettivi e finalità e sottoscrivendo la Carta d’Intenti. L’adesione alla Carta d’Intenti è pienamente coerente con le finalità che persegue la Provincia di Siena, che all’articolo 2 , lettera e) del suo Statuto si impegna a “perseguire il superamento di ogni discriminazione o disuguaglianza  e consentire uguali opportunità per tutti/e, tendendo al pieno sviluppo della persona”.

Decreto Presidenziale

Carta Intenti

 

Rassegna stampa

http://www.provincia.siena.it/in-primo-piano/941-la-provincia-di-siena-come-esempio-di-buone-prassi-al-raduno-annuale-rete-ready

http://www.provincia.siena.it/in-primo-piano/929-continua-la-formazione-on-line-sulle-tematiche-lgbtq

http://www.provincia.siena.it/in-primo-piano/908-al-via-il-primo-ciclo-formativo-identita-orientarsi-alla-pluralita-la-provincia-di-siena-in-campo-contro-le-discriminazioni-sulle-persone-gay-lesbiche-bisessuali-e-transgender