Social

iten
  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg

La Pianificazione Territoriale

La legge n. 56/2014 ha ridisegnato l’assetto della Provincia , configurandola come ente territoriale di secondo livello, titolare di funzioni fondamentali di specifica competenza, settori e dotata di funzioni proprie di programmazione e gestione del territorio.

Nell’elenco delle competenze attribuite è la pianificazione territoriale provinciale di coordinamento, nonché tutela e valorizzazione dell'ambiente, per gli aspetti di competenza, funzione che la Provincia di Siena esercita attraverso proprio strumento di pianificazione territoriale denominato Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP2010).

Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP) è lo strumento  di pianificazione territoriale al quale si conformano le politiche provinciali, i piani e programmi di settore provinciali, gli strumenti della pianificazione territoriale e gli strumenti della pianificazione urbanistica comunale. Si configura pertanto come piano territoriale e strumento di programmazione, anche socio-economica, della Provincia.

 


VARIANTE DI AGGIORNAMENTO DEL PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO DELLA PROVINCIA DI SIENA. AVVIO DEL PROCEDIMENTO 

Deliberazione_del_Consiglio_Provinciale_n33_del_13-07-2020.pdf

NotaallaDeliberaCPn33del13072020.pdf

In considerazione delle notevoli dimensioni degli allegati alla Delibera sopra riportata, per tutto il periodo di pubblicazione della Delibera stessa, i documenti allegati sono consultabili all'indirizzo : ftp://ftp.provincia.siena.it    inserendo le seguenti credenziali:

utente ptcp2010    password: aggiornamento

Successivamente saranno consultabili su supporto informatico presso la Segreteria Generale della Provincia di Siena, Piazza Duomo n.9.

 

SEZIONE PARTECIPAZIONE

Form per la partecipazione online ⇒ Contributo Partecipativo per Variante di Aggiornamento del Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Siena

 


PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE


Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP2010) è strumento fondamentale della pianificazione e programmazione ambientale e territoriale di area vasta, costituisce l'atto di raccordo fra le politiche territoriali della Regione e la pianificazione urbanistica comunale dei Comuni del territorio della Provincia di Siena.

La Provincia di Siena, con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 109 del 20 ottobre 2000, ha approvato il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP2000). La revisione al Piano, avviata nel 2005, si è conclusa nel 2011 con l'approvazione da parte del Consiglio Provinciale con delibera n.124 del 14 dicembre 2011 (PTCP2010).

Sono seguite tre varianti relative alla rimodulazione delle scadenze temporali di adeguamento degli strumenti ed atti di pianificazione comunali al PTCP approvata con D.C.P. n.18 del 11.03.2013, alla tutela del termalismo approvata con D.C.P. n.69 del 29.07.2013, e all’aggiornamento del quadro conoscitivo con il dettaglio dell’area produttiva sovracomunale di Pianella, ubicata nel comune di Gaiole in Chianti  nei pressi nel Ponte che segna il confine con il comune di Castelnuovo Berardenga, variante approvata con DCP n.06 del 15.02.2016.

Il PTCP è in grado di orientare lo sviluppo e valorizzazione del territorio della Provincia di Siena attraverso una strategia di area vasta, finalizzata alla tutela paesaggistica, ecologica e ambientale, disciplinando  limiti e condizioni d’uso delle risorse essenziali.

Presentazione del Piano territoriale di coordinamento della Provincia di Siena - Assessore Marco Macchietti

I contenuti della revisione del Piano

L'organizzazione del Piano

Gli aspetti caratterizzanti il Piano Territoriale di Coordinamento


Pubblicazione PTCP

 

Nuovo Portale di Consultazione Cartografica 2020

Archivio Consultazione Cartografica


PIANO DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, RECUPERO AREE ESCAVATE E RIUTILIZZO RESIDUI RECUPERABILI - PAERP


Il Piano provinciale delle Attività estrattive, di Recupero delle Aree Escavate e di Riutilizzo dei residui recuperabili, di seguito denominato PAERP è “….l’atto di pianificazione settoriale attraverso il quale la Provincia attua gli indirizzi e le prescrizioni dei due settori (edilizio/industriale ed ornamentale) del PRAER e coordina la pianificazione urbanistica comunale relativamente alle previsioni di coltivazione, riqualificazione, recupero delle aree di escavazione dismesse e di riciclaggio dei materiali recuperabili assimilabili.” (L.R. 78/98, Capo II art.7).
In data 27 Giugno 2008 il Consiglio Provinciale, con delibera n. 48, ha dato avvio al procedimento per la formazione del PAERP a cui è seguita una fase di pubblicizzazione della documentazione e di partecipazione del pubblico interessato.
Con Disposizione Dirigenziale n. 50 del 19.01.2009 è stata avviata la procedura di Valutazione Integrata-Valutazione Strategica ai sensi della D.P.G.R.T. n. 4/R del 09.02.2007 e del D.Lgs. 152/2006 sulla proposta preliminare di P.A.E.R.P. della Provincia di Siena.
In data 22 aprile 2009 il Consiglio provinciale ha adottato il Piano con delibera n. 43 ed in data 27 maggio 2009 è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana l’avviso di adozione e si sono aperti i termini, stabiliti in 60 giorni, per la presentazione delle osservazioni.
Nel suddetto periodo sono pervenute n. 54 osservazioni contenenti n. 216 punti osservativi distinti.
Il documento di Piano costituto dalla presente “Relazione generale” e dagli altri documenti sotto elencati costituisce il successivo passaggio nell’iter di formazione del Piano che conclude la procedura di cui sopra.
Gli elaborati che costituiscono il PAERP sono:

  • P.1 Relazione generale
  • P.2 Cartografie delle risorse e dei giacimenti
  • P.3 Cartografie delle Prescrizioni localizzative
  • P.4 Cartografie delle cave storiche
  • P.5 Cartografie delle aree soggette a recupero ambientale
  • P.6 Carta riepilogativa delle prescrizioni localizzative, delle aree suscettibili di recupero ambientale e delle cave storiche
  • P.7 Norme
  • P.8 Relazione di incidenza

Relazione generale

Risorse e giacimenti

Prescrizioni localizzative

Cave storiche

Aree soggette a recupero ambientale

Cartografia riepilogativa

Norme

Relazione di incidenza


VARIANTE DEL PIANO DELLE ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DI RECUPERO DELLE AREE ESCAVATE E DI RIUTILIZZO DEI RESIDUI RECUPERABILI DELLA PROVINCIA (PAERP) DELLA PROVINCIA DI SIENA


A seguito della conferenza di servizi che si è tenuta tra Comune di Montalcino, Regione Toscana e Provincia di Siena il giorno 12/4/2019 presso la sede del Comune di Montalcino tra le strutture tecniche delle amministrazioni competenti, per l’intesa preliminare di variante contestuale al piano strutturale e al regolamento urbanistico dell’estinto comune di San Giovanni d’Asso relativa a previsioni di riqualificazione e riconversione a destinazione turistico ricettiva alberghiera dell’area produttiva in località Ampella e contestuale variazione del PRAER della Regione Toscana e variante del PAERP della Provincia di Siena,  è stato avviato il procedimento del relativo accordo di pianificazione ai sensi degli articoli 41 e seguenti della l.r. n.65/2014.

Intesa Preliminare PAERP


Sintesi dei contenuti dell'accordo preliminare

L'intesa preliminare siglata ai sensi dell’art.42, comma 3, della l.r. n.65/2014  sancisce l’accordo di pianificazione per la contestuale variazione del PRAER della Regione Toscana, e per la variante del PAERP della provincia di Siena, del piano strutturale e del regolamento urbanistico dell’estinto comune di San Giovanni d’Asso, finalizzate allo stralcio delle aree di risorsa e giacimento del PRAER, delle aree di risorsa giacimento e prescrizione localizzativa del PAERP, classificate in entrambi i piani con il codice 929 I 4, e delle relative previsioni di attività estrattive in località Ampella nel comune di Montalcino (SI), ed inoltre lo stralcio delle correlate previsioni di attività estrattive in località Ampella nel comune di Montalcino (SI) contenute nel piano strutturale e nel regolamento urbanistico dell’estinto comune di San Giovanni d’Asso.

ADOZIONE DELLA VARIANTE PUNTUALE AL PAERP DELLA PROVINCIA DI SIENA PER LO STRALCIO DELLA PREVISIONE DELLA PRESCRIZIONE LOCALIZZATIVA IN LOC.AMPELLA - COMUNE DI MONTALCINO. ACCORDO DI PIANIFICAZIONE AI SENSI DELL’ART.41 E SUCCESSIVI DELLA L.R. 65/2014 TRA COMUNE DI MONTALCINO - REGIONE TOSCANA - PROVINCIA DI SIENA

Con Delibera n.36 del Consiglio Provinciale del 09/09/19 è stata adottata, ai sensi dell’art. 19 della L.R. 65/2014 la variante puntuale al PAERP della Provincia di Siena, consistente nello stralcio delle previsioni di destinazione estrattiva in località Ampella in Comune di Montalcino contraddistinta con codice id. 929 I 4., con la modifica delle sole parti interessate di alcuni elaborati del PAERP vigente e approvato con DCP n.123 del 18.11.2010.

Delibera CP n.36 del 09/09/19

La documentazione di Variante è costituita da:

ALLEGATO A - INTESA PRELIMINARE

ALLEGATO B - RAPPORTO DEL GARANTE

ALLEGATO C - RELAZIONE AUTORITÀ COMPETENTE VAS

ALLEGATO D - RELAZIONE DEL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO RELAZIONE RUP adozione Variante PAERP

Allegato E - Documenti Tecnici

INTEGRAZIONE DOCUMENTO SINTESI NON TECNICA adozione Variante PAERP

Integrazione rapporto ambientale Giugno 2019

P.2 - Risorse Giacimenti - Stato MODIFICATO

P.2 - Risorse Giacimenti - Stato VIGENTE

P.3 - PRESCRIZIONI LOCALIZZATIVE - Stato MODIFICATO

P.3 - PRESCRIZIONI LOCALIZZATIVE - Stato VIGENTE

P.6 - CARTA RIEPILOGATIVA - Stato MODIFICATO

P.6 - CARTA RIEPILOGATIVA - Stato VIGENTE

Rapporto Ambientale VAS Variante PS e RU Ampella febbraio 2019

RELAZIONE TECNICA adozione Variante PAERP

Sintesi non Tecnica VAS Variante PS e RU Ampella febbraio 2019

 

La delibera di adozione, i relativi elaborati allegati, ed il presente avviso, sono consultabili sul sito istituzionale oppure direttamente presso il Servizio Assetto del Territorio e l’ufficio Segreteria della Provincia di Siena – Piazza Duomo n.9 in orario 09.00/13.00 dal lunedì al venerdì, per la durata di 60 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT), periodo durante il quale chiunque potrà prenderne visione e presentare osservazione sempre nei termini di 60 giorni dalla pubblicazione sul BURT.