Sei in: Home > URP > Tributi e canoni > Canoni per prelievi di acque superficiali e sotterranee e delle opere idrauliche interferenti con il reticolo idrografico
RESPONSABILI
Dirigenti
Responsabile A.P.
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Terre di Siena Green
Terre di Siena
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Tributi e canoni
stampa

Canoni per prelievi di acque superficiali e sotterranee e delle opere idrauliche interferenti con il reticolo idrografico

Questo tipo di canone riguarda gli approvvigionamenti di acqua pubblica da corpo idrico superficiale, naturale o artificiale, da acque sotterranee e sorgive, ad esclusione delle acque minerali e termali di competenza regionale, e di acque di sorgente e minerali naturali regolate ai sensi del Decreto Legislativo n.339 del 4 agosto 1999. Non necessitano, invece, di autorizzazione o concessione, nel rispetto dell’articolo 28, commi 3 e 5, della Legge n.36 del 5 gennaio 1994:

  • l’estrazione e l’utilizzo di acque sotterranee da parte del proprietario del fondo, comprese le sorgenti destinate all’uso domestico, come definito all’articolo 3, lettera l;
  • la raccolta di acqua piovana in invasi e cisterne al servizio di fondi agricoli o di singoli edifici. 

 

In particolare, fanno parte del demanio Idrico:

  • tutte le acque sotterranee;
  • tutte le acque superficiali;
  • le particelle catastalmente intestate a “Demanio pubblico dello Stato per le opere idrauliche di 2° categoria” o altre dizioni analoghe che, inequivocabilmente, fanno riferimento al demanio idrico. 

 

I prelievi per le acque superficiali richiedono una concessione per tutti gli usi, compreso quello domestico, mentre i prelievi per le acque sotterranee, come pozzi e sorgenti, richiedono una concessione solo per gli usi non domestici.

Le utenze di acqua pubblica, inoltre, sono soggette al pagamento di un canone annuo, il cui importo viene determinato dall’amministrazione provinciale in relazione all’uso e al quantitativo di acqua concessa, secondo le norme vigenti. La destinazione d'uso della risorsa determina anche la durata della concessione:

  • fino a un massimo di 10 anni per uso irriguo;
  • fino a un massimo di 30 anni per uso potabile;
  • fino a un massimo di 15 anni per altri usi.

 

Attingimenti annuali

Gli attingimenti annuali sono autorizzati in presenza di due requisiti:

  •  il carattere provvisorio dell’attingimento, inferiore all'anno;
  • l'effettuazione con impianti mobili;

 

Le licenze questo tipo di attingimento, se richieste dallo stesso utente, possono essere rilasciate fino a un massimo di cinque volte.

 

La normativa

redArrow La normativa per il canone per prelievi di acque superficiali e sotterranee e delle opere idrauliche interferenti con il reticolo idrografico  (dimensione: 38kb | data aggiornamento: 02/03/2012 16:14)

 

Contenuto aggiornato al: 02/03/2012 16:14