Sei in: Home > News > Tutti uniti per salvare il Museo della Mezzadria
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
SIT - Sistema informativo territoriale
Nuovo PTCP vigente
Tutti uniti per salvare il Museo della Mezzadria...
stampa
04-Novembre-2013

Tutti uniti per salvare il Museo della Mezzadria

Tutti uniti per salvare il Museo della Mezzadria di Buonconvento. Fondazione Musei Senesi, Comune di Buonconvento e Provincia di Siena lanciano una raccolta fondi per recuperare l’importante patrimonio museale, gravemente danneggiato lo scorso 21 ottobre dalle ingenti piogge e dalla conseguente esondazione del fiume Ombrone. L’acqua, mista a terra e a detriti, è penetrata all’interno del museo, arrivando a raggiungere un metro e cinquanta centimetri nell’area accoglienza, biglietteria e bookshop, e distruggendo tutto quello che si trovava al suo interno: libri, documenti, computer, stampanti, scanner, quadri elettrici, arredi e attrezzature.

 

Il flusso del fiume è riuscito a penetrare per oltre quaranta centimetri – e ritirandosi ha lasciato uno strato di quindici centimetri di fango – anche nelle sale espositive a piano terra, dove si conservano numerosi strumenti agricoli e macchinari d’epoca, danneggiando allestimenti, impianti elettrici e dati, oltre alle numerose postazioni interattive e multimediali che caratterizzavano l’esperienza educativa nel museo. Ad una prima disamina, i danni superano i 70mila euro. 

 

Per dare il proprio contributo alla raccolta fondi è possibile accedere al sito internet https://www.derev.com/it/alluvionemuseomezzadria e cliccare su “contribuisci” per indicare l’importo del proprio contributo. Un apposito display, inoltre, segnalerà l’ammontare complessivo di quanto donato.

 

“Il Museo della Mezzadria – spiega Gianni Resti, presidente della Fondazione Musei Senesi – ospita una prestigiosa collezione, spesso frutto di donazioni della comunità locale: il percorso museale, mischiando sapientemente oggetti del passato e nuove tecnologie, racconta la storia delle campagne senesi e non solo dall’Ottocento ad oggi attraverso i suoi protagonisti (vere e proprie figure parlanti), antichi strumenti agricoli, documenti (come i libretti del colono), e consente al visitatore di rivivere l’atmosfera di una fattoria, proprio come nei ricordi dei nostri nonni. Un museo che, non a caso, da anni ha sviluppato un’efficace vocazione didattica e che proprio di recente ha recuperato una relazione sempre più forte con i giovani e il mondo della ricerca”.

 

In un periodo in cui la cultura è uno dei settori più colpiti dalla crisi economica e in cui le istituzioni culturali, tra cui i musei, continuano a lavorare e ad impegnarsi con fondi insufficienti, un danno come quello riportato dal Museo della Mezzadria è drammatico. “Il settore Musei ed Ecomusei di Regione Toscana ha manifestato concretamente il suo sostegno ed è costantemente presente accanto alla Fondazione Musei Senesi al Comune di Buonconvento e alla Provincia di Siena – ha dichiarato Luigi Di Corato, direttore generale di Fondazione Musei Senesi - ma per riuscire nell’impresa l’aiuto di ciascuno, ogni piccolo contributo, è per noi, per il patrimonio culturale di questo territorio e del nostro paese un grande contributo, che ci consentirà di restituire quanto prima la sede museale ai cittadini, al suo territorio e ai numerosi turisti che ogni anno vengono a vistarlo”.
 

Per informazioni e donazioni è possibile contattare la Fondazione Musei Senesi anche al numero 0577 530164.