Sei in: Home > News > “Pittori senesi del ‘600”, in un libro le meraviglie di una città che non si fermò al sogno gotico
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
“Pittori senesi del ‘600”, in un libro le meraviglie di una città che non si fermò...
stampa
Pittori senesi del ‘600 01-Febbraio-2012

“Pittori senesi del ‘600”, in un libro le meraviglie di una città che non si fermò al sogno gotico

“Un panorama che non potrebbe essere più spazioso e istruttivo” lo definisce Peter Anselm Riedl, insigne storico dell’arte, già insegnante all’Università di Heidelberg. Appena pubblicata, l’opera “Pittori senesi del Seicento” (Nuova Immagine Editrice), realizzata da Marco Ciampolini (studioso tra i massimi esperti della produzione artistica senese del diciassettesimo secolo), è già considerata dagli specialisti una pietra miliare per completezza e profondità di analisi. L’imponente pubblicazione verrà presentata venerdì 3 febbraio alle ore 17.30 nella Sala dei Concerti di Palazzo Chigi Saracini a Siena. Oltre all’autore, interverranno Simone Bezzini e Alessandro Pinciani, presidente e vicepresidente della Provincia di Siena e Gabriello Mancini, presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena. Nell’occasione sono previsti anche una lectio magistralis di Claudio Massimo Strinati e Alberto Cornice e una ouverture musicale a cura degli allievi dell’Accademia Musicale Chigiana.

 

Il commento di Marco Ciampolini. “Si tratta di un lavoro che mi ha impegnato per dodici anni e che credo consacri definitivamente il Seicento senese come scuola autonoma, con specifici caratteri di originalità e con un nutrito stuolo di personalità. Non a caso nel 1752 la prima guida a stampa della città, del nobile senese Giovanni Antonio Pecci, più che le opere medievali cita quelle cinquecentesche, tardo-manieristiche e barocche. Di ogni artista ho voluto restituire non solo l’attività ma anche il lato umano, per inserirlo nel contesto storico e culturale del suo tempo”.

 

Il Seicento senese. Il Seicento senese fu un periodo ricco di testimonianze artistiche, ma poco indagato dalla critica rispetto alla grande stagione tre-quattrocentesca. Su questo giudizio ha pesato a lungo la visione di un’epoca di decadenza, anche in relazione alla perdita di indipendenza politica di Siena. In realtà la pittura senese del XVII secolo ha carattere di vera e propria scuola, con una definita individualità e, insieme con la fiorentina e la romana, la sola degna di tale nome nell’Italia centrale. Siena non rimase chiusa in un circolo ristretto né la sua espressione artistica fu provinciale. Molte furono le personalità di rilievo in questo vasto panorama: da artisti di livello assoluto come Francesco Vanni e Ventura Salimbeni ai caravaggeschi Francesco Rustici, Rutilio Manetti, Astolfo Petrazzi; da maestri del Barocco come Bernardino Mei, Raffaello Vanni e Niccolò Tornioli ai meno noti Deifebo Burbarini, Alessandro Casolani, Sebastiano Folli.

 

La pubblicazione. L’opera di Marco Ciampolini, promossa dall’Amministrazione Provinciale di Siena e finanziata dalla Fondazione Monte dei Paschi, con la collaborazione dell’Associazione culturale “Saturnus”, consiste in tre volumi di grande formato e racchiusi in un cofanetto, 1248 pagine complessive, con 566 tavole a colori fuori testo. I tre volumi registrano più di diecimila dipinti, oltre mille disegni e seicento incisioni. Si tratta di una raccolta di 57 monografie, tante quanti sono gli artisti. Le singole ‘vite’ sono strutturate in biografia, cronologia, catalogo delle opere e degli eventuali disegni preparatori, elenco delle incisioni, registro delle opere perdute o non rintracciate. Oltre alle consuete notizie tecniche, documentarie e bibliografiche vi sono ulteriori voci per segnalare le eventuali copie e le riproduzioni a stampa. Non mancano inoltre ricostruzioni della vita personale e familiare degli artisti. L’opera è corredata da imponenti apparati (indice dei luoghi, dei nomi, dei soggetti e degli stemmi), utili strumenti di consultazione per rendere subito rintracciabili le notizie contenute.