Sei in: Home > News > Parte da Siena il progetto ECOVET per aprire un confronto europeo sui green jobs
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
SIT - Sistema informativo territoriale
Nuovo PTCP vigente
Parte da Siena il progetto ECOVET per aprire un confronto europeo sui green jobs
stampa
21-Febbraio-2014

Parte da Siena il progetto ECOVET per aprire un confronto europeo sui green jobs

Dal 19 al 21 febbraio 2014 si è svolto a Siena, presso la Camera di Commercio, il meeting d’avvio del progetto ECOVET, che apre un confronto a livello europeo su alcune qualifiche legate ai green jobs, confronto finalizzato a potenziare l'occupabilità e l'adattabilità delle persone, la mobilità dei lavoratori, a riconoscere i periodi di apprendimento all'estero. I lavori del partenariato sono terminati oggi, 21 febbraio, con una conferenza stampa aperta alla quale sono intervenuti il Presidente della Camera di Commercio Massimo Guasconi, l’Assessore della Provincia di Siena Simonetta Pellegrini. Nell’occasione Barbara Signorini di Eurobic Toscana Sud, in qualità di partner coordinatore, ha presentato il progetto.
 

Il contesto. Allo stato attuale, la carenza di metodologie e istituzioni comuni per la valutazione, il trasferimento, la validazione e il riconoscimento dei risultati dell’apprendimento, nonché la scarsa flessibilità delle soluzioni formative, ritardano una piena integrazione del mercato del lavoro e uno sviluppo del capitale umano lungo tutto l’arco della vita, ostacolando lo sviluppo di percorsi professionali e la valorizzazione delle competenze maturate in contesti diversi.
 

I partner. Camera di Commercio, capofila, insieme a Provincia di Siena, Eurobic Toscana Sud srl, CNA Siena e Consorzio nazionale per la formazione l’Aggiornamento e l’Orientamento, inizieranno il cammino con i colleghi austriaci dell’Institut für Bildungsforschung der Wirtschaft, greci di IDEC S.A., spagnoli di Spanish Confederation of Education and Training Centres, rumeni di Asociatia Observator pentru Dezvoltarea Invatarii Permanente, sloveni di Institute of the Republic of Slovenia for Vocational Education and Training per rendere riconoscibili le qualificazioni ottenute nei diversi paesi e contesti europei. Il progetto vede coinvolti la Regione Toscana, le Camere di Commercio di Arezzo e Grosseto come soggetti sostenitori, E.S.TR.A. Energia, Intesa, NOVA E Srl, TSE srl, La Fabbrica del Sole scarl, Siena Ambiente, Acquedotto del Fiora in qualità di partner associati.

 

“L’Ente Camerale è in questi anni è sempre stato in prima fila, assieme alle associazioni economiche di categoria, nel promuovere e sostenere iniziative sulle filiere emergenti delle tematiche ambientali e del risparmio energetico – afferma convintamente Massimo Guasconi, presidente della Camera di Commercio di Siena. Parametrarsi e confrontarsi con le best practies di livello europeo è certamente, per il nostro territorio, occasione di stimolo e crescita, proprio adesso in un momento di trapasso e di ridefinizione del nostro modello di crescita. Su queste aree tematiche, tra l’altro, la Camera di Commercio di Siena ha promosso è sta promuovendo anche interessanti iniziative nel settore della formazione".

 

"Il confronto aperto con altri paesi europei dal progetto ECOVET, che ha mosso da Siena i primi passi con il meeting d’avvio - sottolinea l'assessore alla formazione e lavoro della Provincia di Siena, Simonetta Pellegrini - rappresenta una positiva occasione di scambio e di collaborazione sullo sviluppo dei green job, la cui domanda continua ad essere in crescita. Riuscire a condividere i percorsi di studio affinché le esperienze formative siano rapportabili nei diversi Paesi può rappresentare, al termine del percorso, un valore aggiunto per chi si muove in Europa, aumentando le occasioni lavorative per tutte quelle nuove figure professionali legate alle tematiche energetiche ed ambientali che in provincia di Siena stiamo contribuendo a formare anche attraverso l’Istituto tecnico superiore Energia e Ambiente che ha sede a Colle di Val d’Elsa".