Sei in: Home > News > Nuova sede per la Protezione Civile provinciale: da oggi presso il Comando dei Vigili del Fuoco
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
SIT - Sistema informativo territoriale
Nuovo PTCP vigente
Centri per l'impiego
Nuova sede per la Protezione Civile provinciale: da oggi presso il Comando dei Vigili del Fuoco
stampa
11-Gennaio-2019

Nuova sede per la Protezione Civile provinciale: da oggi presso il Comando dei Vigili del Fuoco

Siglato ieri, giovedì 10 gennaio, l’accordo tra Prefettura, Provincia di Siena e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Siena per l’attivazione della nuova sede della Sala integrata di protezione e difesa civile/ Sala operativa provinciale integrata che da oggi è situata in località Ruffolo presso il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco.

Un accordo che viene da lontano. Già nel 2008 la “Direttiva Sistema” del Presidente del Consiglio dei Ministri, nel dare indirizzi operativi per la gestione delle emergenze, prevedeva proprio in ambito provinciale una sala operativa di protezione civile unica ed integrata.

In data 3 Aprile 2015 veniva firmato tra il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e l’ Azienda USL 7 il Protocollo volto a convogliare le sinergie operative tra la componente sanitaria dei soccorsi e la componente tecnica offerta dai Vigili del Fuoco sulle emergenze ordinarie e di Maxi Emergenze. Già allora era obiettivo comune la realizzazione di un “polo di soccorso pubblico” collocato logisticamente presso la Caserma dei Vigili del Fuoco di Siena, all’interno della quale collocare la Centrale Operativa 118 e, in prospettiva, l’Unità di Crisi Provinciale della Protezione Civile; in data 25 Settembre 2017, in seno alla tavola rotonda svolta presso il comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Siena dal titolo “Il ruolo dei sindaci nella gestione delle emergenze di Protezione Civile. Polo unico del Soccorso Pubblico provinciale” viene ribadita la volontà istituzionale di accorpare in un'unica sede tutte le strutture che fanno capo al soccorso pubblico, ovvero la costituzione di un “Polo unico del Soccorso Pubblico Provinciale” attraverso la realizzazione della nuova Sala Operativa Provinciale Integrata di Protezione Civile (di seguito denominata anche SOPI) presso il Comando provinciale dei Vigili del Fuoco in Loc. Ruffolo a Siena; a Luglio 2018 viene siglato il Protocollo di Intesa tra Prefettura, Provincia di Siena e Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Siena in cui le parti esprimono la comune volontà di realizzare una rete organizzativa di riferimento sul territorio provinciale quale “Polo del soccorso pubblico”, sistemata logisticamente nell'ambito di un unico complesso, la nuova Caserma dei Vigili del Fuoco, all’interno della quale venga ubicata la Centrale Operativa 118 e la Sala Operativa Provinciale Integrata della Protezione Civile.

“In molti hanno lavorato a questo progetto che ha come obiettivo quello di convogliare le sinergie operative della Provincia, della Prefettura, della componente sanitaria dei soccorsi e della compo-nente tecnica offerta dai Vigili del Fuoco nelle emergenze ordinarie e nelle maxi emergenze, creando un centro di raccordo nei quali gli attori principali della risposta possano disporre non solo di una vicinanza di intenti, ma anche di una vicinanza logistica e strutturale; di investire in una struttura di “polo di soccorso pubblico”, nella quale le istituzioni interessate, nel rispetto della propria autonomia e avvalendosi della propria organizzazione, si trovano a lavorare per un obiettivo comune e condiviso e di  valorizzare il personale coinvolto, e spesso volontario, allo scopo di inte-grare gli operatori nella consapevolezza dei problemi reciproci e nell'obiettivo di efficacia, attuando momenti formativi congiunti con simulazioni e costruzioni di procedure condivise - dichiara il neo Presidente della Provincia Silvio Franceschelli.- Ho firmato l’accordo con molto piacere perché credo che l’obiettivo principale di ognuno di noi debba essere la sicurezza, e l’accentramento in una unica sede di tutte le unità di soccorso concorrerà a costruire un sistema di prevenzione e in-tervento nelle emergenze sicuramente più efficiente, efficace e sicuro”.