Sei in: Home > News > Il consiglio provinciale dice "No all’Italia senza le Province"
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Il consiglio provinciale dice "No all’Italia senza le Province"
stampa
Consiglio Straordinario 31-Gennaio-2012

Il consiglio provinciale dice "No all’Italia senza le Province"

Il consiglio provinciale di Siena dice “No all’Italia senza le Province” e approva all’unanimità - con il non voto dell’Idv - l’ordine del giorno proposto dall’Upi a tutti i 107 Consigli provinciali d’Italia, riuniti oggi, martedì 31 gennaio in occasione della giornata di mobilitazione nazionale dedicata al futuro delle Province. L’ordine del giorno è stato approvato con un emendamento proposto dalla Lega Nord e integrato dal Pd. Il consiglio ha anche respinto un ordine del giorno incidentale presentato da Antonio Giudilli (Idv).  

 

L’ordine del giorno dell’Upi. “Le Province - si legge nell’ordine del giorno - richiedono unitariamente alle Regioni di promuovere i ricorsi di fronte alla Corte Costituzionale, per fare dichiarare l’incostituzionalità di alcune disposizioni contenute nel decreto legge 201/2011 che violano i principi costituzionali di autonomia e democrazia e sono in contrasto con la forma di stato prevista dal titolo V, parte II, della Costituzione. Le Province richiedono unitariamente al Governo e al Parlamento di approvare una riforma organica delle istituzioni di governo di area vasta, puntando su una razionalizzazione delle Province attraverso la riduzione del numero delle amministrazioni; una ridefinizione e razionalizzazione delle loro funzioni; l’eliminazione di tutti gli enti intermedi strumentali, quali agenzie, società e consorzi, che svolgono impropriamente funzioni che possono essere esercitate dalle istituzioni democraticamente elette previste dalla Costituzione; l’istituzione delle Città metropolitane come enti per il governo integrato delle aree metropolitane e la destinazione dei risparmi conseguiti con il riordino degli enti di area vasta a un fondo speciale per il rilancio degli investimenti degli enti locali”.

 

“In un’Italia senza Provincia - continua l’ordine del giorno - ci sarebbero meno garanzie democratiche; verrebbero garantite meno opportunità a chi è più debole; diminuirebbe l’identità locale fatta di storia e cultura e le istituzioni si allontanerebbero dai cittadini. Per questo, chiediamo ai Parlamentari del territorio di farsi promotori in Parlamento di iniziative volte a garantire l’esistenza delle Province intese come strumento di partecipazione democratica dei cittadini nel governo del territorio; alle organizzazioni sindacali di mobilitarsi contro l’abolizione o allo svuotamento delle Province, per tutelare le persone che ci lavorano; alle forze economico-sociali di mobilitarsi per ristabilire un punto di riferimento istituzionale certo nel territorio, utile a garantire il rilancio degli investimenti per lo sviluppo locale e a tutti i cittadini di manifestare il loro amore per il territorio, opponendosi all’abolizione o allo svuotamento delle nostre Province o alla loro trasformazione in enti nominati dai partiti e non eletti direttamente dal popolo”.

 

Il dibattito. “L’emendamento - ha spiegato Giovanni Di Stasio (Lega Nord) - parte dalla consapevolezza che il sistema istituzionale ha bisogno di un riassetto e di una riforma complessivi, per i quali siamo disponibili a una riprogrammazione a tutti i livelli. Per fare questo serve maggiore coinvolgimento dei territori e un cambio di registro, che recuperi anche i valori di solidarietà di un tempo”. “L’iniziativa di oggi - ha detto Roberto Renai (Sel) - è stata positiva per far capire all’esterno come abbiamo cercato, in questi anni, di indirizzare lo sviluppo del territorio. L’azione politica svolta dalla Provincia è stata guidata da tre obiettivi di forte valore democratico e imprescindibili: rilanciare lo sviluppo; andare oltre i limiti sociali e non lasciare indietro nessuno. Siamo pronti a una riorganizzazione delle deleghe e alla sburocratizzazione dei processi organizzativi, una sfida che noi abbiamo accolto dall’inizio. Proviamo, tutti insieme, a mantenere viva la possibilità di scegliere il nostro futuro, salvaguardando le autonomie territoriali, di cui non dobbiamo avere paura”. 

 

 

”La Provincia - ha aggiunto Donatella Santinelli (capogruppo Pdl) - non può subire la riforma Monti solo parlando di taglio dei costi della politica. Serve una riforma istituzionale seria, che punti a razionalizzare i costi, e un ragionamento a 360 gradi che non elimini a priori le strutture di secondo livello. Iniziamo con l’eliminazione, semmai, degli enti inutili e questo non è il caso delle Province. Passare tutto al livello regionale avrebbe solo dei costi paradossali e metterebbe in seria discussione il valore della rappresentanza democratica”. “La Provincia di Siena - ha detto Massimo Mori (Pdl) - andrebbe abolita se penso a come gestisce il territorio, il bilancio, il rapporto con l’opposizione e a come ha gestito e distrutto il ‘sistema Siena’. Non condivido, però, il meccanismo populista dell’antipolitica, perché la politica è l’unica cosa democratica e vicina ai cittadini, e nemmeno una riforma come quella delle Province che mina il diritto di rappresentanza dei cittadini”. L’appello al diritto di cittadinanza dei territori è stata ribadita anche da Fabrizio Camastra (Pdl). “Siamo qui per rappresentare i territori che ci hanno eletti e questa rappresentanza non ci sarà con la riforma. L’antipolitica nasce quando la politica non si fa carico dei problemi dei territori e dei cittadini e in questo modo, rischiamo di avere presto davanti soggetti non politici che scombineranno il modo di rapportarci alla politica”. “Se stamani l’obiettivo era difendere l’istituzione Provincia - ha detto anche Francesco Michelotti (Pdl) - l’abbiamo difesa parecchio male, con il sistema che è venuto a fare la passerella e a parlarsi addosso, senza affrontare i problemi veri di questo territorio, che vengono sempre tenuti fuori da questa assise. Non basta dire non aboliamo le Province”.

 

No alla difesa a priori e sì a un dibattito serio sulla riforma istituzionale. E’ quanto ha chiesto Marco Nasorri (capogruppo Pd) invitando a “portare la discussione sulle Province anche all’esterno”. “Riconosciamo - ha aggiunto Nasorri - il bisogno urgente di una riforma organica per il Paese, ma serve un confronto più ampio, che parta da una revisione dei costi istituzionali a ogni livello e da proposte non calate dall’alto, ma fondate sul massimo coinvolgimento dei territori. L’iniziativa di oggi ha ribadito la necessità di fare sinergia fra i territori, in risposta alla riforma Monti che introduce una lenta agonia e una serie di misure prive di senso”. Il concetto è stato ribadito da Elisa Meloni (Pd). “Le Province sono l’ennesima vittima di un sentimento di antipolitica che ha attraversato, negli anni passati, anche altri livelli istituzionali, a partire dalle comunità montane. Questo sentimento è legittimo nelle preoccupazioni e non deve essere sottovalutato da nessuna forza politica. Oggi il tema della riforma delle autonomie e delle pubbliche amministrazioni è un tema centrale per il futuro del Paese, a cui non vogliamo e non dobbiamo sfuggire, discutendo nel merito. Chiediamo, quindi, alla Regione una discussione seria su questi temi, partendo dal coinvolgimento dei singoli territori”.

 

“Il consiglio provinciale di stamani - ha detto Antonio Falcone (Rifondazione-Comunisti Italiani) - è stato organizzato senza tenere conto del confronto democratico e in modo sbagliato. Posso votare il documento dell’Upi, calato dall’alto, anche se non serve a niente. Credo, invece, che sia giusto accogliere l’appello lanciato da Renai, aprendo un confronto con la Rsu provinciale. I Comuni avrebbero potuto convocare consigli aperti con la cittadinanza, la Provincia avrebbe potuto coinvolgere in altro modo i Comuni. Queste iniziative sono solo una passerella per andare sui giornali”.

 

Una critica all’organizzazione è stata rivolta anche da Lorenzo Rosso (Pdl). “Andava fatto un ordine del giorno della Provincia di Siena e impostata la discussione su quello. L’abolizione dell’ente Provincia è una battaglia di bassa propaganda e bisognava rispondere allo stesso modo, comprando una pagina di giornale e pubblicando i costi delle Province rispetto a quelli di Regioni e Comuni. Serve maggiore autostima per far rispettare questo ente”.

 

Le conclusioni della seduta sono state affidate al presidente della Provincia, Simone Bezzini. “E’ il momento che la discussione entri nel merito e non rimanga superficiale, coinvolgendo il Parlamento, il consiglio regionale e il sistema delle autonomie locali. La mediazione che si paventa con il superamento delle Province, quali istituzioni elettive sostituite da enti di secondo grado più o meno con medesime funzioni, provocherebbe non solo un’incertezza istituzionale, ma anche un peggioramento della funzionalità dell’ente, risparmi effimeri e forti disagi ai cittadini. La nuova normativa, infatti, non semplifica le istituzioni, ma si limita a trasformare le Province da enti i cui organi sono eletti dai cittadini a soggetti i cui rappresentanti saranno indicati dai Comuni, senza passare dalle urne, riducendo la partecipazione e rendendone meno trasparente l’attività. Il rischio maggiore è un fenomeno di spartizione e la riduzione della qualità dell’operato del nuovo ente, con una conseguente moltiplicazione dei costi a carico della collettività. La Provincia di Siena è pronta a fare la propria parte e mi aspetto che nei prossimi giorni, dopo la presa di posizione dei 36 sindavi e del Pd di Arezzo, Siena e Grosseto, scendano in campo anche le altre forze politiche che oggi hanno votato l’ordine del giorno proposto dall’Upi”.