Sei in: Home > News > Firmato l’accordo tra Provincia e Università per Stranieri di Siena : “Palazzo il Prato” a Unistrasi per 20 anni.
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Terre di Siena Green
Terre di Siena
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Firmato l’accordo tra Provincia e Università per Stranieri di Siena : “Palazzo il Prato” a Unistrasi...
stampa
02-Agosto-2017

Firmato l’accordo tra Provincia e Università per Stranieri di Siena : “Palazzo il Prato” a Unistrasi per 20 anni.

Firmato l’accordo con cui la Provincia di Siena concede in uso all’Università per Stranieri di Siena l’immobile sito in Piazza Amendola e denominato “Palazzo Il Prato”.
L’intesa, frutto di una collaborazione sviluppatasi nell’ultimo anno tra i due Enti, discende dalle profonde trasformazioni in atto presso la Provincia e presso l’Università per Stranieri di Siena. Un accordo profondamente innovativo che dimostra l'efficacia delle due amministrazione pubbliche che hanno saputo condividere un lungimirante percorso che porterà ad entrambi enormi benefici.
L’Università per Stranieri di Siena, infatti, a fronte di una sempre crescente richiesta di offerta formativa e di nuovi servizi, manifestava la necessità di espansione e quindi di reperire nuovi spazi idonei ai suoi fini didattici e amministrativi. La Provincia di Siena, a fronte di una fase di riordino istituzionale, aveva intenzione di valorizzare il proprio patrimonio immobiliare, mantenendo le funzioni di interesse pubblico e governativo. 
Ed ecco trovato l’accordo!
 “Palazzo Il Prato”, di proprietà della Provincia di Siena, per caratteristiche ed ubicazione, si prestava a soddisfare le suddette esigenze dell’Università per Stranieri di Siena, la Provincia di Siena, concedendolo in uso, è ora in grado di assicurarsi un’entrata certa derivante da una ottimizzazione degli spazi.
Con la concessione appena siglata, l’Unistrasi può utilizzare Palazzo il Prato per fini istituzionali corrispondendo un canone di 173.000 euro l’anno per 20 anni, con possibilità di acquistare la proprietà dell’immobile in qualsiasi momento a un prezzo di 4 milioni di euro.
L’ accordo  trova molteplici ragioni, a partire dall’esclusivo interesse  pubblico dell’accordo, nel giusto contemperamento tra la politica di Unistrasi  di potenziamento dei propri servizi con le esigenze di razionalizzazione, valorizzazione del proprio patrimonio e di lean organizzativa della Provincia,  passando al trasferimento degli oneri  manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile a completo carico dell’Università per Stranieri, che si è accollata anche le  spese di adeguamento tecnico per avviare il nuovo utilizzo.
La Provincia si,  è, pertanto, resa disponibile a raggiungere un accordo che prevede condizioni  finanziarie  agevolate solo ed in quanto, persegue allo stesso tempo,   interessi pubblici, come sopra meglio descritti, equivalenti a quelli che verrebbero perseguiti con il semplice sfruttamento economico del bene.
Senza considerare, poi,  che un tale accordo, destinato esclusivamente ad uno spostamento risorse finanziario e strumentali  all’interno del perimetro pubblico, consente un percorso di razionalizzazione ed efficientamento senza ricorrere al libero mercato  e ad eventuali dismissioni  in favore del privato del mercato di un bene universale  comune  del  patrimonio pubblico di significativo valore storico, culturale ed architettonico che manterrà, invece, con una destinazione duratura di interesse pubblico.
Inoltre, in base allo stesso accordo, l’Università per Stranieri di Siena ha mostrato interesse  sul costruendo immobile sito in Viale Sardegna, di proprietà della Provincia di Siena, impegnandosi concretamente a promuovere e facilitare  percorsi, anche in collaborazione  con altre istituzioni cittadine,     finalizzati a reperire possibili finanziatori, investitori o gestori per strutture residenziali ad uso universitario.
Insomma, un semplice ma  virtuoso esempio di collaborazione tra Enti pubblici.