Sei in: Home > News > Con “Io, diversamente” garantiti pari diritti nella pratica sportiva a tutti gli svantaggiati
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Con “Io, diversamente” garantiti pari diritti nella pratica sportiva a tutti gli svantaggiati
stampa
28-Febbraio-2012

Con “Io, diversamente” garantiti pari diritti nella pratica sportiva a tutti gli svantaggiati

E’ stata presentato alla stampa il progetto Io diversaMente, la sfida che l’ Uisp provinciale di Siena ha messo in campo con il sostegno della Provincia e il contributo della Banca Monte dei Paschi per garantire l’esercizio della pratica sportiva ai diversamente abili.

“Un progetto – ha affermato il presidente provinciale UISP Paolo Ridolfi – che rientra nella concezione innovativa dello sport per tutti e che vogliamo dedicare a chi ha problemi di natura psichica, sensoriale, fisica. Un intervento tanto più necessario in un momento di crisi economica ma anche delle coscienze”.

La difficile situazione attuale costringe molte famiglie a rinunciare all’attività sportiva per i  propri ragazzi, e in particolare chi ha figlie o figli svantaggiati può sentirsi  abbandonato, senza punti di riferimento.

Io diversaMente – ha sottolineato l’assessore provinciale allo sport Marco Saletti - con la sua attività intende richiamare l’attenzione verso le fasce più deboli della società, coloro che non hanno voce o non si fanno  sentire, e vuole costituisce una forma di sostegno e di orientamento per le famiglie”.

L’obiettivo è raggiungere risultati  significativi in termini di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e di integrazione fra abili e diversamente abili, “tramite un percorso – ha puntualizzato Marianna Semeraro responsabile e coordinatrice del progetto - che coinvolge, come parti attive, sia i diversamente abili che i cosiddetti normodotati, ragazzi e ragazze che giocano insieme valorizzando anziché mortificare le proprie differenze”.

Un principio al quale la Provincia aderisce con entusiasmo, perché, ha affermato il presidente Simone Bezzini, “mira a garantire pari opportunità tra le persone, e in un momento di crisi economica come questo è importante mettere in campo tutte le idee e le risorse possibili per evitare l’arretramento nelle condizioni di vita dei cittadini”.

Infine la voce della Banca Monte dei Paschi, nella persona di Giovanni Ianniello responsabile delle tematiche di mercato: “Il sostegno economico dato a questo eccellente progetto che valorizza il principio dell’integrazione,  intende testimoniare la volontà della banca di rimanere vicina alle istituzioni e alla popolazione senese”.