Sei in: Home > Aree tematiche > Polizia provinciale > Vigilanza ambientale > Fanghi di depurazione
RESPONSABILI
Comandante
Dirigente ad interim
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Polizia provinciale
stampa

Fanghi di depurazione

La problematica del trattamento e smaltimento dei fanghi prodotti dai processi di depurazione delle acque reflue urbane assume sempre più importanza sia a livello nazionale che internazionale.

 

Le modalità di smaltimento/utilizzo dei fanghi più frequenti sono:

  • lo smaltimento in discarica;
  • il riutilizzo in agricoltura tal quali o previo compostaggio;
  • l’incenerimento da soli o il co-incenerimento con i rifiuti;
  • l’inserimento nella produzione di laterizi, asfalti, calcestruzzi.

 

In Italia i fanghi sono considerati, in generale, un rifiuto e il loro prevalente destino è lo smaltimento in discarica. Il numero crescente di impianti di depurazione e le normative più restrittive sullo smaltimento in discarica costringono, però, a considerare con sempre maggiore attenzione le possibilità di riutilizzo dei fanghi e l’impiego delle nuove tecnologie di depurazione che ne riducono la produzione. Il riutilizzo agronomico dei fanghi diretto o previo compostaggio, tuttavia, deve essere correttamente praticato nel pieno rispetto della normativa, per evitare qualsiasi situazione di rischio per l’ambiente e la salute della popolazione.

 

La Polizia provinciale di Siena, in collaborazione con le altre autorità amministrative e giudiziarie preposte, interviene di iniziativa o su segnalazione verificando che questo tipo di attività venga effettuato sul territorio provinciale secondo il dettato normativo vigente. La Polizia, in particolare, effettua controlli documentali dei formulari di trasporto, dei registri di carico e scarico e dei registri di utilizzazione dei fanghi di depurazione, dispone sopralluoghi nelle aree di spandimento con impiego di strumenti Gps e interviene laddove non vengano rispettate le prescrizioni previste dalla legge e dalle singole autorizzazioni rilasciate dalla Provincia. 

 
La norma nazionale che definisce le condizioni che devono essere verificate per l’utilizzazione dei fanghi in agricoltura è il D.Lgs. n. 99/1992 che recepisce la Direttiva comunitaria 86/278/CEE.

 

La normativa

redArrow D.Lgs. n. 99/1992, Attuazione della direttiva 86/278/CEE concernente la protezione dell'ambiente, in particolare del suolo, nell'utilizzazione dei fanghi di depurazione in agricoltura  (dimensione: 66kb | data aggiornamento: 20/02/2012 11:39)

 

 

Contenuto aggiornato al: 20/02/2012 11:40