Sei in: Home > Aree tematiche > Pari opportunità > Consigliera di parità
RESPONSABILI
Dirigente
Consigliera di parità
Referente
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Terre di Siena Green
Terre di Siena
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Pari opportunità
stampa

Consigliera di parità

La Consigliera di Parità è una figura istituzionale, prevista dal Codice delle Pari Opportunità, con funzioni di promozione e di controllo per l’attuazione dei principi di uguaglianza di opportunità e di non discriminazione tra donne e uomini nel lavoro. Viene nominata dal Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero per le Pari Opportunità e dura in carica quattro anni. Ha sede presso ogni Provincia e presso ogni Regione d'Italia.

 

Si possono rivolgere alla Consigliera di Parità:

  • donne e uomini in qualità di lavoratori dipendenti
  • enti privati e pubblici
  • enti e aziende interessati a realizzare progetti per agevolare l’occupazione femminile e la carriera lavorativa delle donne, o ad adottare un'organizzazione del lavoro favorevole alla conciliazione dei tempi di vita e lavoro

 

Sei un/a dipendente?

La Consigliera di Parità esaminerà gratuitamente il tuo caso e, se riterrà di essere in presenza di discriminazione di genere in ambiente lavorativo, interverrà su tua richiesta con un’azione correttiva volta a favorire una conciliazione con l’azienda. La Consigliera può inoltre avvalersi della collaborazione delle direzioni provinciali del lavoro per valutare al meglio ogni singolo caso e rilevare le violazioni alla normativa in materia di parità.

 

Sei un’azienda o un ente pubblico?

La Consigliera di Parità può offrirti una consulenza gratuita in materia di pari opportunità e discriminazioni di genere sul lavoro. Può avviare progetti formativi per la diffusione di informazioni sulle discriminazioni di genere e ti permette inoltre di instaurare una collaborazione per promuovere e attuare politiche di pari opportunità.

 

22 maggio 2013

LE CONSIGLIERE DI PARITA' RICORDANO CHE  Domenica 26 e lunedì 27 maggio 2013, come stabilito dal Ministero degli Interni, le cittadine e i cittadini di circa 700 comuni italiani saranno chiamati ad eleggere i sindaci, i consigli comunali, nonché i consigli circoscrizionali. L’eventuale turno di ballottaggio è previsto per domenica 9 e lunedì 10 giugno 2013. In questa tornata elettorale troverà applicazione la legge 215/2012, che ha modificato il sistema elettorale dei comuni introducendo la c.d. doppia preferenza di genere volta a favorire il riequilibrio delle rappresentanze di genere nelle amministrazioni locali. Quando si andrà a votare si potranno esprimere due preferenze, anziché una come previsto dalla normativa previgente, purché riguardanti candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della seconda preferenza.

 

Contenuto aggiornato al: 22/05/2013 14:21