Sei in: Home > Aree tematiche > Aree trasferite al Comune capoluogo > Turismo > Strutture ricettive > Trasmissione dati movimenti turistici
CAMPAGNE Campagna di sicurezza stradale per la prevenzione degli incidenti causati da fauna selvatica redArrowVedi tutte
TEMI Francigena Mobilità dolce redArrowVedi tutti
Vetrina Immobiliare
Centri per l'impiego
Nuovo PTCP vigente
SIT - Sistema informativo territoriale
Aree trasferite al Comune capoluogo
stampa

Trasmissione dati movimenti turistici

 La rilevazione statistica del movimento dei turisti negli esercizi ricettivi è regolata dalle Direttive UE e dalle Circolari ISTAT. L’indagine è inserita nel Programma Statistico Nazionale  e per questo prevede l’obbligo di risposta da parte delle strutture. La rilevazione, che ha carattere censuario in quanto si riferisce a tutto il comparto ricettivo (alberghiero ed extralberghiero) operante sul territorio nazionale, ha lo scopo di raccogliere informazioni per ciascun mese dell’anno sugli arrivi e le presenze dei clienti stranieri e italiani, distinguendo i primi in base al paese di residenza e i secondi in base alla provincia e/o regione di residenza.
L’ISTAT si avvale, per effettuare la rilevazione, delle Regioni che, a loro volta, delegano la funzione agli enti intermedi territorialmente competenti che, nel caso della Regione Toscana, sono le province. La Provincia di Siena continua quindi ad essere il punto di riferimento per le strutture ricettive in indirizzo ai fini della comunicazione dei dati ISTAT sul movimento turistico. I dati raccolti saranno trattati nel rispetto della normativa in materia di segreto statistico e protezione dei dati personali e saranno diffusi in forma aggregata, i medesimi potranno essere utilizzati anche per successivi trattamenti esclusivamente a fini statistici dai soggetti del Sistema Statistico Nazionale.
Al fine di adeguarsi al Reg. CEE 692/2011, che si propone di uniformare la metodologia di raccolta nell’area europea, sono state introdotte alcune modifiche alla rilevazione. Le novità recepite dall’ISTAT sono le seguenti:
• LE SOLE STRUTTURE ALBERGHIERE e RTA dovranno indicare  il numero delle camere occupate giornalmente.
• TUTTE LE STRUTTURE dovranno segnalare situazioni di chiusura temporanea o prolungata o eventuali riduzioni di camere e posti letto disponibili per lavori di manutenzione etc. durante il periodo di attività dell’esercizio utilizzando il C59 mensile
• Per gli utenti abilitati all’invio telematico attraverso Ricestat, il dato camere e letti disponibili comparirà di default nella pagina in cui si inseriscono le presenze giornaliere e dovrà essere modificato in riduzione solo nelle eventualità sopra segnalate.
2) nuova codifica dei paesi esteri di provenienza . Per quanto riguarda gli utenti Ricestat: non genererà differenze, le nuove codifiche appariranno on-line, per chi effettua l’inserimento tramite gestionale, saranno scaricabili dalla sezione “File presenze” sul Ricestat il dettaglio delle modifiche e le specifiche aggiornate.

Le predette novità implicano la comunicazione di alcune avvertenze, che le strutture in indirizzo dovranno rispettare:
• La trasmissione dei dati deve avvenire con tempestività entro e non oltre il giorno 5 del mese successivo a quello di riferimento, dati i tempi imposti

• Tutti i bambini ospiti devono essere conteggiati e dichiarati (anche quelli di età inferiore a tre anni finora esclusi)
• I clienti non turisti non devono essere conteggiati (il gestore della struttura ricettiva non è tenuto a chiedere le motivazioni del soggiorno, quindi questo è un dato difficilmente accertabile da parte del gestore della struttura e non c’è obbligo di comunicarlo)
• Arrivi e presenze di clienti che occupano letti aggiunti/aggiungibili devono essere conteggiati e dichiarati, anche se i letti aggiunti sono esclusi dal computo nella parte della ricettività
• I clienti che restano nell’esercizio ricettivo solo alcune ore durante la giornata non devono essere conteggiati e dichiarati. Devono invece essere dichiarati i clienti che arrivano dopo la mezzanotte e partono lo stesso giorno (in questo caso dovrà esserne dichiarato l’arrivo nel giorno precedente)
• Per i campeggi, le aree attrezzate e i villaggi turistici, secondo quanto stabilito in sede europea, devono essere esclusi i dati di movimento dei clienti che hanno un contratto di affitto di lungo periodo di piazzole, spazi per camper e roulottes o alloggiamenti (al momento si considera affitto di lungo periodo l’affitto superiore all’anno, salvo ulteriori precisazioni ISTAT)
Per quanto riguarda l’indicazione della residenza dei clienti anche al fine di dichiararne la provenienza, si forniscono le seguenti avvertenze:
• In caso di incertezza sulla provenienza si deve fare riferimento alla residenza riportata sul passaporto o altro documento di identità

• In caso di gruppi composti da viaggiatori di diversa provenienza, ogni componente deve essere registrato e dichiarato secondo la propria provincia, regione o nazione di residenza
• Coloro che sono in viaggio per affari devono essere registrati e dichiarati secondo la propria provincia, regione o nazione di residenza e non secondo la residenza della società o ente che ha effettuato la prenotazione
Ricordando la necessità di uniformarsi alle predette nuove direttive europee, si invitano le strutture ricettive  ad utilizzare l’invio telematico dei dati obbligatorio dal 1° gennaio 2014, secondo la modalità messa a diposizione dalla Provincia di Siena.
Per effettuare tale procedura occorre accreditarsi, utilizzando l’apposita voce “REGISTRATI” alla pagina web http://ricestat.mto.provincia.siena.it.
Per ulteriori informazioni e per essere accompagnati nelle prime fasi relative all’invio telematico, si possono contattare i seguenti numeri telefonici:
0577/241913;0578/671119;0577/241281.

Documentazione

redArrow Codifica Regioni Italiane e Paesi Esteri  (dimensione: 48kb | data aggiornamento: 11/03/2013 11:37)

 

 

CallSend SMSAdd to SkypeYou'll need Skype CreditFree via Skype

 

Contenuto aggiornato al: 31/03/2014 09:46