Social

iten
  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg

La Provincia di Siena vince un altro finanziamento e parte un nuovo progetto. Con riferimento, infatti, all'Iniziativa AzionEprovincegiovani 2021, promossa dall’ Unione Province Italiane UPI, con la pubblicazione della graduatoria finale, è stato ammesso e finanziato il Progetto “G.I.F. – Giovani. Inclusione. Futuro per la Toscana” presentato da UPI Toscana.
Il progetto, che vede il coinvolgimento della Provincia di Siena insieme alle Provincia di Arezzo, Provincia di Pisa e Provincia di Pistoia, oltre ad altri due importanti partner quali l’ITS “Energia e Ambiente” e l’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, è finalizzato alla promozione di azioni di sensibilizzazione sul tema dell’abbandono scolastico, nonché attività formative e pratiche a carattere multidisciplinare orientate alla prevenzione della dispersione.
Soddisfazione da parte del Presidente UPI Toscana Gianni Lorenzetti: “Siamo molto contenti per la notizia ricevuta. La nostra sfida principale sarà quella coinvolgere il più attivamente possibile i giovani delle scuole che prenderanno parte al progetto. Attraverso un percorso formativo e di attività pratiche condivise con il Partenariato, sarà nostro interesse stimolare il talento dei giovani per assicurare loro opportunità di sviluppo personale e sociale”.
 
Per la Provincia di Siena, il progetto va ad aggiungersi ai numerosi progetti vinti e finanziati durante quest'anno.
L'ultimo approvato è il progetto PEACE Progettare E Animare Comunità Educanti,  vinto e finanziato dal Fondo Sociale Europeo, elaborato dalla Provincia di Siena in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e le Conferenze zonali per l’educazione e l’istruzione, che si pone l’obiettivo di operare per la destrutturazione degli stereotipi di genere, la diffusione e il rafforzamento della prospettiva di genere attraverso azioni rivolte al sistema educativo con riferimento alle scuole del territorio di ogni ordine e grado, quali luoghi fondamentali per la costruzione di una società inclusiva, in cui aspirazioni, scelte e diritti delle cittadine e dei cittadini non siano condizionati dai ruoli di genere, ma siano espressione delle diverse soggettività.
 
La Provincia è inoltre in campo sul tema diritti e antidiscriminazione con due progetti realizzati in collaborazione con il Movimento Pansessuale- Arcigay di Siena. Il primo progetto, che si chiama NO HATE rientra nel finanziamento per la Rete Ready e si rivolge a scuole e comunità locali . - Le parole d’odio rappresentano un fenomeno esteso e trasversale. A volte sono incitate da politici e personaggi influenti, in altri casi la scintilla è innescata da notizie o fake news. Per combattere l’hate speech,  in assenza di una legge specifica o anche solo di una legge contro le discriminazioni basate su orientamento e identità, è necessario agire su più fronti. Quelli che abbiamo scelto noi attraverso questo progetto sono:
  • Contronarrazione
  • Educazione
  • Sensibilizzazione
  • Incontri

Il progetto è realizzato con i 15 comuni che hanno aderito alla rete Ready.

Il secondo progetto, finanziato dall'Unar, si chiama SPAZIO SICURO, ha come capofila il Movimento Pansessuale- Arcigay di Siena e vede la partecipazione della Provincia di Siena e  dei Comuni di Abbadia San Salvatore, Castelnuovo Berardenga, Castiglione d’Orcia, Murlo e Pienza. Si sostanzia nell'apertura, presso ciascun Comune di un Centro di ascolto e prima accoglienza LGBTQIA+* della provincia di Siena, uno SPAZIO SICURO, appunto.

Inoltre, il servizio Istruzione e Pari Opportunità, seguono anche tutti i progetti per il contrasto alla violenza di genere.